international editions

Viaggio nel Tempo

Gli attenti osservatori potranno identificare le rocce utilizzate migliaia di anni fa, nel Paleolitico, dai primi abitanti dell'isola tra le pareti e i campi di pietra. Vivevano in piccoli gruppi, nella Grotta dei Demoni, sulla collina di Ai Yiorgi a Lagada e in altri rifugi naturali. I resti di un insediamento neolitico sono stati scoperti sull'isolotto di Saliagos (nello stretto tra Paros e Antiparos), risalente al 4300-3900 aC. Si trattava di avventurosi pescatori, cacciatori e agricoltori. I piccoli villaggi sono stati costruiti presso il Kastro di Parikia, a Drios, Pyrgaki, Glyfa, Aliki (Avyssos) e nei pressi di Naoussa Kolybithres, nel periodo cicladico, tra il 3200 aC e il 2000 aC.

 

Commercianti minoici si recavano sull'isola, che vantava stretti legami con Creta, tra il 2000 aC e il 1500 aC, ma non lasciarono il segno, nonostante il fatto che Paros venisse chiamata Minois o Minoa all'epoca. L'isola è stata anche chiamata anche con altri nomi durante la sua lunga storia, come ad esempio: Paktia, Dimitrias, Yria, Yliessa, Plateia e Kavarnis.

 

Le rovine dell'acropoli micenea sono state ritrovate sulla collina di Koukouaries, nei pressi di Naoussa e al castello di Parikia. Il movimento delle tribù rendeva instabile la regione egea e Paros fu occupata dagli Arcadi, guidati da Paros figlio di Parrasios, dal quale l'isola prese il nome. Gli Arcadi e i nuovi arrivati provenienti dallo Ionio, arrivati sull'isola nel mondo di Omero, iniziarono a sposarsi tra di loro.

 

Il poeta Archiloco Pario nacque nel 7° secolo aC, quando Paros era diventata un'importante forza navale, con colonie a Thassos, Propontide, Parion e Faron, nel mare Adriatico.

 

Nel 600 aC, Paros coniò una sua moneta. Sull'isola si praticava la religione ellenica del Dodecatheon, come dimostrato dai reperti ritrovati nelle rovine dei templi di Eileithyia, Ypatos Dios, Afrodite, Delion, Asclepion e Apollo Pythios sulle colline circostanti Parikia. Il Museo archeologico di Paros ospita reperti di tutte le epoche storiche.

 

La cava di Marathi è ancora attiva nell'estrazione di marmo. Paros sta vivendo un boom economico e artistico. Il marmo pario Lychnitis è molto richiesto e importanti opere sono state prodotte da scultori di Paros, come Skopas e Agorakritos. La città principale di Paros ha 50.000 abitanti e bei palazzi di marmo, tra cui una scuola, il teatro e lo stadio.

 

Nel 3° secolo aC, gli artigiani di Paros costruirono Delos con marmo pario, mentre Milos acquistò marmo di Paros per scolpire la Venere di Milo (Museo del Louvre). Venne redatta l'opera Cronache di Paros (Oxford, Inghilterra). E poi cominciò il declino. Le Cicladi divennero un luogo di esilio per nemici di Roma.

 

 

L'epoca bizantina venne dopo quella romana e il Tempio di Panagia di Ekatontapiliani, monumento simbolo dell'ortodossia, venne eretto a Parikia, così come le Tre Chiese, a distanza di 1 km. da Parikia sulla strada per Naoussa. Il Cristianesimo ha dominato Paros dal 3° secolo dC.

 

In seguito venne l'era veneziana, con la famiglia Sanoudos al governo di Paros per 200 anni. La famiglia risedeva a Parikia e costruì il Kastro (castello). Il Kastro di Naoussa (o Kastelli, al porto del paese) fu costruito nello stesso periodo, così come il castello di Kefalos (sulla collina di Agios Antonios a Marpissa). Il marmo pario ricominciò a viaggiare, questa volta verso Venezia, e Paros rifiorì.

 

Nel 1537, l'isola fu decimata dalle incursioni dei pirati guidati dal Barbarossa. Gli abitanti di Paros hanno continuato a vivere nella paura dei pirati. Poco tempo dopo, l'isola fu conquistata dai Turchi. Vennero costruiti nuovi villaggi (Lefkes, Kostos, Marmara).

 

 

Nel 1774, i russi sbarcarono a Paros, attraccando la loro flotta a Naoussa, sull'isolotto di Agia Kalis, e stabilirono campi, magazzini, ospedali e cantieri navali sull'isola. Paros divenne il centro per la dominazione russa sotto gli Orloff. L'isola svolse un ruolo attivo nella rivoluzione del 1821 e l'eroina di guerra Manto Mavrogenous vivette sull'isola. L'isola divenne poi parte del libero stato greco. Da qui si sviluppò un importante isola della cultura. Dopo la fine della seconda guerra mondiale, gli abitanti di Paros si videro costretti a migrare, prima verso il Pireo e poi all'estero. Un nuovo periodo di sviluppo per Paros iniziò nel 1970, grazie principalmente al turismo.

Camminando per le strette stradine di Parikia, non perdetevi la libreria pubblica Y. Gikas e immergetevi in 8.000 anni di storia.

Eventi

« November 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 

Raccomandazioni