international editions

Ekatontapiliani, la Basilica di Santa Sofia del Mar Egeo

Il Sacro Santuario di Ekatontapiliani è situato a Parikia, a pochi passi dal porto. Secondo Orlandos, la chiesa venne fondata da Agia Eleni e da suo figlio, Aghios Konstantinos.

 

Ekatontapiliani fu iniziata da Ignatius, discepolo di Anthemios, capomaestro di Santa Sofia a Costantinopoli, e la pianta è quasi identica.

La chiesa comprende un gruppo di edifici, tra cui il tempio principale a croce con colonne, una zona per le donne, sei cappelle (Agios Nikolaos, Agios Anargyros, Agios Filippos, Agia Theodosia, Agios Dimitrios e Osia Theoktisti, il santo patrono di Parikia), la recinzione delle celle e l'antico Battistero risalente al 4° secolo, il meglio conservato del tra quelli ortodossi di oriente. La Santa Bema (la zona rialzata intorno all'altare) comprende il Ciborio, una struttura di marmo sopra l'altare, sostenuta da 4 colonne classiche con capitelli corinzi e il synthronon, il piccolo anfiteatro in un angolo posteriore della Bema.

 

La Kimisi tis Theotokou (Assunzione) viene celebrata con grande devozione e religiosità il 15 agosto, seguita dalla processione dell'icona per le strade di Paros e una grande festa nel pomeriggio e alla sera.

 

Katapoliani è uno dei monumenti cristiani più importanti delle Cicladi. Il nome deriva probabilmente dal nome del luogo, Katapola (presente anche su altre isole dell'Egeo), mentre la parola Ekatontapiliani, collegata alla leggenda delle 100 porte, è probabilmente una variante del toponimo. La tradizione fa risalire la costruzione della chiesa di Panagia ad Agia Eleni.

 

Si tratta di una basilica a croce con colonne che danno vita alle navate e il tetto venne originariamente realizzato in legno. Durante il periodo Giustiniano (527-565), i tetti furono sostituiti con archi e il lucernario con una cupola. Il complesso è completato da un nartece, dal battistero e dalla cappella di Agios Nikolaos, i cui elementi architettonici provengono da edifici antichi. Durante gli anni dell'epoca post-bizantina, venne aggiunta la chiesa di Agias Theodosias (1619) nella sezione esterna a nord del grande tempio, così come le celle e la cappella di Agios Dimitrios nella parte orientale del portico. L'utilizzo di antichi elementi architettonici nella costruzione di chiese cristiane era pratica comune a Parikia. Si stima che oltre 2.500 antichi elementi architettonici siano stati impiegati per costruire la chiesa di Panagia, il battistero e la cappella di Agios Nikolaos. I pilastri in marmo a destra e a sinistra dell'ingresso alla chiesa principale di Panagia provengono dal tempio del periodo classico e la chiesa è decorata con triglifi dedicati a Zeus Eleftherios, come indica l'iscrizione tra i triglifi: ZEUS ELEFTHERIOS.

 

Tutti gli archi sopra i supporti principali arrivano da templi arcaici del Kastro, mentre le architravi, nella chiesa principale, provengono da un tempio di epoca ellenistica. Parti di architravi dello stesso tempio (40 in totale) sono state usate come materiale da costruzione durante la costruzione del castello veneziano. Le colonne e le loro basi provengono da edifici del periodo ellenistico e hanno subito varie modifiche e aggiustamenti nel corso degli anni bizantini in modo che potessero essere utilizzate nella grande chiesa cristiana. Modanature ioniche da edifici di epoca classica sono state usate per costruire l'icona. Sulla parete orientale, a destra dell'icona, vi è una sezione di marmo con inciso Archontas Haris Serapis, con ogni probabilità proveniente dal Serapeio dell'isola. L'altare è costituito da una grande sezione con modanatura arcaica e quattro colonne ellenistiche.

 

Sette capitelli dorici e due sezioni di colonne di templi arcaici sono stati realizzati nella cappella di Agios Nikolaos. Dopo studi condotti da Gruben, è stato determinato che un insieme di elementi architettonici utilizzati nella chiesa bizantina è di origine arcaica: il colonnato ionico, il quale formava almeno due angoli e circondava uno spazio interno. L'esame di altri elementi architettonici, come strutture, abside e altare ha portato alla supposizione che gli elementi architettonici provenissero dai templi di Hestia e Prytaneion. Due iscrizioni relative al tempio di Hestia supportano questa ipotesi.

 

Nel battistero, nove sezioni di architravi arcaiche sono state utilizzate come travi sopra le colonne delle navate laterali. Altre sezioni sono state posizionate sull'entrata centrale del battistero, dell'atrio e della cappella di Agios Nikolaos. Due grandi colonne ioniche e le loro basi sono riportate sul pavimento della navata centrale della chiesa di Panagia, di fronte all'icona, a una profondità di 1,5 metri. Vennero trovate in mosaici dell'antico ginnasio del 3° secolo dC. Le sezioni di questo mosaico raffiguranti le Fatiche di Ercole sono esposte nell'atrio del museo. Giannos Kouragios, Archeologo della 21a Soprintendenza alle Antichità Preistoriche e Classiche delle Cicladi.

Eventi

« September 2021 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 

Raccomandazioni