international editions

Parikia

Il tempio di Panagia Ekatontapiliani

Secondo la leggenda, Agia Eleni si imbatté in una tempesta vicino alle coste di Paros durante il suo pellegrinaggio in Terra Santa per trovare la Santa Croce. Sbarcò sull'isola presso una piccola chiesa. Qui, fece voto alla Panagia di costruire una grande chiesa in suo nome qualora fosse sopravvissuta all'impresa e avesse trovato la Santa Croce. Tuttavia, non fu in grado di mantenere la sua promessa e suo figlio, Costantino il Grande, primo imperatore di Bisanzio, si fece carico del voto della madre.

Panagia Ekatontapiliani è uno di templi più impressionanti delle isole greche. Le scritture storiche non fanno riferimento all'esatto anno di costruzione della chiesa, generando dibattiti tra gli studiosi. Ad ogni modo, Panagia Ekatontapiliani è una basilica a croce del periodo paleocristiano, con diversi elementi architettonici aggiunti con il passare del tempo. La prima restaurazione della chiesa avvenne nel 6° secolo, ad opera di un architetto di nome Ignatios, il quale, secondo la leggenda, era un discepolo del maestro che costruì Santa Sofia. Il tetto in legno venne rimosso e distrutto da un incendio e vennero aggiunti altri elementi visibili tutt'oggi come il duomo e altri elementi ad arco. 

Il tempio che possiamo ammirare oggi riporta diversi elementi bizantini e post-bizantini e sezioni in marmo di antichi templi furono usate durante le restaurazioni, insieme ad aggiunte fatte nel tempo. Il nome Ekatontapiliani fa riferimento alle 100 porte della chiesa - 99 visibili e 1 nascosta. Il secondo nome "Katapoliani" potrebbe riferirsi al fatto che la chiesa si affaccia sull'antica cittadina.

La chiesa principale è una componente del tempio, il quale include le cappelle interne di Agios Anargyros, Agios Filippos, Osia Theoktisti, la basilica di Agios Nikolaos, la chiesa di Agia Theodosia e la cappella di Agios Dimitrios (al di fuori della chiesa), così come il battistero e le celle circostanti che fortificavano la chiesa.

La sezione centrale, l'icona, ritrae la Panagia di Ekatontapiliani, probabilmente risalente al 17° secolo. Le colonne di marmo, gli ultimi elementi in marmo rimasti a dominare lo spazio, il piccolo e semplice duomo con cherubini sulla base, il Ciborio in marmo che ospita altare e seduta e il piccolo anfiteatro nell'angolo posteriore sono solo alcuni degli elementi che catturano l'attenzione nella chiesa principale.

Il battistero, costruito nel 4° secolo, è uno dei meglio conservati delle chiese ortodosse di oriente ed è da non perdere.

Una delle più grandi feste dell'Egeo, con musica, specialità e danze tradizionali, si tiene a Parikia il 15 agosto, dopo la processione dell'epitaffio della Vergine Maria.

 

Agios Konstantinos ed Evagelismos tis Theotokou

Queste due cappelle sono posizionate una affianco all'altra nel Kastro, in cima all'antica acropoli di Paros. Furono costruite sulle rovine di un antico tempio e sono collegate. Agios Konstantinos è una chiesa a navata singola con cupola ottagonale e un campanile ad arco. L'interno vanta elementi in marmo scolpito e l'icona in legno intarsiato è dorata. La vicina Evagelismos tis Theotokou fu costruita nel 1260 dC dal veneziano Duca di of Naxos e anche se non è sfarzosa come Agios Konstantinos, gli antichi elementi utilizzati per costruirla possono essere distinti facilmente. La chiesa presenta un tetto a cupola e un nartece laterale supportato da colonne.

Zoodochou Pigis, sulla spiaggia di Kato Yialo Zoodochou Pigis è una chiesa di campagna a volta e a navata singola, situata vicino al mare, a 5 chilometri da Parikia vicino a Marathi, su un ripido pendio coperto da cipressi. La chiesa è stata restaurata diverse volte, l'ultima all'inizio del 20° secolo. Un campanile ad arco svetta sull'entrata.

 

Taxiarchis, sulla strada principale

La chiesa a cupola di Taxiarchis è sorretta da quattro colonne interne. La facciata e due colonne di marmo all'entrata attirano l'attenzione dei visitatori. Una navata ad arco aggiunta alla chiesa successivamente comunica con il tempio principale ed è dedicata ad Agia Paraskevi. Un campanile ad arco svetta sopra la parete posteriore della chiesa. Inoltre, la chiesa ospita diversi affreschi e icone interessanti, risalenti al 18° e al 19° secolo.

 

Agios Nikolaos, nel porto

La chiesa di Agios Nikolas fu costruita dal lato opposto del porto, vicino a Ekatontapiliani. Si tratta di una piccola chiesa a croce con una cupola ottagonale e un piccolo campanile ad arco al di sopra dell'entrata principale. La tomba del proprietario è situata in una nicchia ad arco sostenuta da colonne, nella parte nord della chiesa, verso la strada. La piccola chiesa è stata dichiarata monumento religioso.

Eventi

« December 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 

Raccomandazioni